inaugurazione auditorium oscar niemeyer

In questa sezione gli utenti possono pubblicizzare eventi, sagre, manifestazioni, concerti e quanto può essere utile alla comunità in Campania.
Avatar utente
sheik
Libeccio
Libeccio
Messaggi: 761
Iscritto il: giovedì 26 marzo 2009, 9:20
Località: ravello
Fotocamera: fujifilm finepix s1800
Sistema Operativo: winx
Contatta:

inaugurazione auditorium oscar niemeyer

Messaggioda sheik » domenica 17 gennaio 2010, 9:22

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


inaugurazione auditorium oscar niemeyer


ravello 29/30/31 gennaio 2010


Tre giorni di musica, danza e cinema, con ampi spazi dedicati all’approfondimento culturale, passando per l’omaggio doveroso a Oscar Niemeyer, senza dimenticare i piaceri della gastronomia più raffinata. Tutto quanto sia in grado di offrire una struttura moderna ed elegante come l’Auditorium “Oscar Niemeyer” di Ravello sarà esibito al pubblico nel corso dei tre giorni dell’inaugurazione.



La grande musica sinfonica, innanzitutto, con la proposta della Nona Sinfonia di Beethoven, nell’interpretazione dei complessi del Teatro di San Carlo, affiancati dai giovani solisti dell’Accademia del Teatro alla Scala e diretti dal 26enne David Afhkam, numero due della Gustav Mahler Jugendorchester.



Al miglior repertorio cameristico rimanda, invece, il concerto di Salvatore Accardo, uno dei massimi violinisti del nostro tempo, alle prese con le celeberrime “Stagioni” di Vivaldi. Insieme a lui, l’Orchestra da Camera Italiana, complesso giovane ed affidabile cresciuto sotto le cure dello stesso Accardo.



Hanno tra i dieci ed i diciotto anni gli straordinari ballerini che giungono dal Brasile con la Escola do Teatro Bolshoi. La scuola, fondata dal prestigioso Teatro Bolshoi di Mosca, ha dato nuove aspettative ad un numero enorme di bambini e ragazzi brasiliani. Il Bolshoi propone un ricco Gala incentrato, nella prima parte, sulla figura e la musica di Chopin, nel bicentenario della nascita.



Chiude la tre giorni un evento dedicato alle scuole della Costiera. Dalla collaborazione con il Giffoni Film Festival nasce la possibilità di proiettare, con la nuova tecnologia 3D, il film “Nightmare before Christmas” di Tim Burton: il cinema a Ravello, insomma, un altro piccolo miracolo reso possibile dall’Auditorium Niemeyer.



Attesissimo il concerto di Lucio Dalla, amico fedele di Ravello. Il noto cantautore non ha voluto perdere l’occasione di esibirsi in quell’auditorium che ha visto nascere, nel corso degli ultimi due anni. Il suo concerto sarà una novità assoluta: ad accompagnarlo, infatti, sarà l’orchestra del San Carlo, chiamata a dare veste classica ai suoi successi di sempre.



Due imperdibili convegni arricchiscono la tre giorni di interessanti momenti di riflessione. Alcuni tra i più importanti architetti di oggi si riuniranno in Villa Rufolo per celebrare il genio di Niemeyer, mentre di cultura come risorsa si parlerà nella sala convegni dell’Auditorium.
Oliviero Toscani e il suo staff saranno presenti nei tre giorni dell’inaugurazione per immortalare i momenti più significativi di questa occasione storica.
amala pazza inter amala
Internazionale. “Perché siamo italiani e stranieri, fratelli del mondo”.
Nero e azzurro su sfondo dorato. “Perché l’oro è il colore delle stelle"

III XI MMXII VOMITOSTADIUM SVERGINATUS EST EST EST

Avatar utente
pipstin
Supporter Campanialive.it
Supporter Campanialive.it
Messaggi: 6142
Iscritto il: mercoledì 18 marzo 2009, 12:55
Località: Camaldoli Torre Caracciolo (NA) 320 mslm
Sistema Operativo: Google Chrome
Contatta:

Re: inaugurazione auditorium oscar niemeyer

Messaggioda pipstin » domenica 17 gennaio 2010, 9:26

:ymapplause: :ymapplause: :ymapplause:
Voglio anch'io le canne albanesi....voglio vedere quello che nessuno ha visto mai :p

Stazione meteo Napoli Fuorigrotta

Avatar utente
terence
Supporter Campanialive.it
Supporter Campanialive.it
Messaggi: 12608
Iscritto il: giovedì 19 marzo 2009, 23:41
Località: QUALIANO (NA)
Sistema Operativo: Windows 10 Pro!!!
Contatta:

Re: inaugurazione auditorium oscar niemeyer

Messaggioda terence » domenica 17 gennaio 2010, 10:01

ottima notizia

Avatar utente
Antonio
Supporter Campanialive.it
Supporter Campanialive.it
Messaggi: 3424
Iscritto il: sabato 14 marzo 2009, 9:59
Località: Avellino loc. Valle (385 m)
Stazione meteo: Davis VP2
Fotocamera: NGM Forward Escape - Sony DSC-W310
Sistema Operativo: Windows 7
Contatta:

Re: inaugurazione auditorium oscar niemeyer

Messaggioda Antonio » sabato 30 gennaio 2010, 21:45

Ha preso parte alla conferenza inaugurale anche mio padre.
Davvero uno stile futuristico e funzionale.
:ymapplause:

Avatar utente
sheik
Libeccio
Libeccio
Messaggi: 761
Iscritto il: giovedì 26 marzo 2009, 9:20
Località: ravello
Fotocamera: fujifilm finepix s1800
Sistema Operativo: winx
Contatta:

Re: inaugurazione auditorium oscar niemeyer

Messaggioda sheik » martedì 9 febbraio 2010, 8:16

anche il principe dice la sua

#ts

La dimora dei miei avi versa nel degrado, si pensa solo al giardino, ma le quaranta stanze che ancora restano del maestoso palazzo dei Rufolo con i suoi quattrocento lussuosi ambienti sono in uno stato pietoso». Il principe Landolfo (già, proprio come il suo antenato reso celebre da Boccaccio) Alfonso Maria Rufolo del Giglio è indignato.
Dopo vent'anni di assenza è ritornato in una Ravello che ha trovato totalmente cambiata. Si aggira spaesato nella nuova piazza, non trova più i punti di riferimento del suo «ozio felice» nella città della musica, un aperitivo con gli amici e lo sguardo rivolto alla dimora di famiglia, abbandonata nel Trecento, dopo il «falso processo» costruito ad hoc da alcuni nobili e prelati francesi per impossessarsi del favoloso tesoro dei Rufolo: ben ottocentomila once d'oro, 65 milioni di euro in valuta contemporanea, Lorenzo Rufolo ed i suoi figli torturati ed uccisi.
Quella ferita il principe la sente incisa nella pelle come se la «congiura» ai danni del casato, che risale al console romano Spurio Larcio Rufo, personaggio di spicco della Roma del 507 a. C., fosse avvenuta appena ieri. «Noi protagonisti di due Crociate, la prima e l'ottava, cugini dei d'Angiò, tanto da portare nello stemma i tre gigli di Francia, accusati ingiustamente, per l'invidia dei cortigiani, di tradimento. Un'onta che pesa come un macigno», è il suo grido di dolore. Non interessa all' ultimo discendente della gloriosa dinastia, imparentato, tra l'altro con i Grimaldi di Monaco, l'eredità perduta. Il rimpianto è per l'edificio medioevale passato di mano in mano e «maltenuto».
Un rimpianto che si fa indignazione, soprattutto di fronte «allo spreco di soldi per la realizzazione dell'auditorium». Il principe-medico (un titolo professionale che dal 1720 si è trasmesso, insieme a quello nobiliare di padre in figlio) è stato tra gli invitati vip all'inaugurazione del capolavoro di architettura che porta la firma di Oscar Niemeyer. Storce il naso, bacchetta il governatore Bassolino:
«Troppo piccolo, le cose se si vogliono fare si devono fare come si deve. Euro buttati al vento, sarebbe stato meglio restaurare palazzo Rufolo e dal passato recuperato costruire il futuro». Il presidente della Regione gli ha sorriso: «Sto per lasciare l'incarico, ma amo Ravello e le prometto che farò di tutto, finchè dura il mio mandato, per recuperare finanziamenti per villa Rufolo». Il principe annuisce, ma da napoletano e da politico - è stato candidato alla Camera dei Deputati nelle liste di Forza Italia - è abituato a non credere alle promesse elettorali.
«Beh, ne parlerò anche con Silvio», è il suo commento. Silvio, alias il premier Berlusconi di cui Landolfo Rufolo, specialista di fama internazionale in chirurgia maxillofacciale (cattedra a Torino, ha operato a Mosca, Lugano, Zurigo, Parma, Milano e Napoli) è stato il «medico del sorriso». Berlusconi sarà prossimamente a Ravello, suo ospite, in occasione della restituzione - in una pregevole riproduzione d'autore - del trecentesco trittico ligneo raffigurante la Madonna Bruna con San Nicola, San Giovanni e, in piccolo, il donatore Rufolo, trafugato e mai più ritrovato.
«Sarà l'occasione per parlargli della situazione di degrado delle opere d'arte delle chiese della Costiera - annuncia alla funzionaria della soprintendenza per i beni artistici e storici di Salerno Lina Sabino - Il governo deve fare la sua parte, il patrimonio d'Italia è la cultura ed il paesaggio, e su questo tesoro bisogna investire».

Tratto dal quotidiano Il Mattino
amala pazza inter amala
Internazionale. “Perché siamo italiani e stranieri, fratelli del mondo”.
Nero e azzurro su sfondo dorato. “Perché l’oro è il colore delle stelle"

III XI MMXII VOMITOSTADIUM SVERGINATUS EST EST EST


Torna a “Segnalazione eventi LIVE”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite