Monte Velino (AQ) mt. 2487

In questa sezione gli utenti possono pubblicare i loro commenti sui luoghi visitati in Campania.
Avatar utente
Iceman
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 27760
Iscritto il: venerdì 13 marzo 2009, 14:59
Località: Napoli-Vomero Alto Alt.280 mt
Stazione meteo: Davis Vantage Vue - Davis VP2
Fotocamera: Umidigi S3 48Mpx - Kodak DX 4Mpx
Sistema Operativo: Ubuntu Linux W7 - Browser Chroome
Località: Italy
Contatta:

Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda Iceman » martedì 11 giugno 2019, 14:30

Ieri con il buon Nick71 abbiamo deciso di intraprendere una bella e dura escursione sul monte Velino nella Marsica una delle vette più alte con i suoi 2487 mt.

La giornata inizia presto per recarci sul luogo di partenza ci vogliono oltre due ore di viaggio. Ci prepariamo e partiamo alle 9 dalla quota di circa 1000 mt s.l.m. poco sopra l'abitato molto bello di Rosciolo dei Marsi (AQ)

Ecco Nicola che termina di preparare le cose per la partenza

100_9293.JPG


Lasciamo l'auto e ci incamminiamo da subito per un ripido sentiero ma poco prima mi soffermo davanti ad un memoriale dedicato ai caduti di un volo militare schiantatosi sul Velino nel 1962

100_9294.JPG


100_9295.JPG


100_9296.JPG


Il sentiero inizia subito a salire e facciamo subito un incontro con un leprotto che fugge a grandi balzi al nostro avvicinarsi

100_9300.JPG


100_9301.JPG


Si giunge quindi su un pianoro dopo una mezz'ora di salita , punto di partenza di vari sentieri del Velino noi scegliamo di salire per il sentiero 3 quello tratteggiato che a differenza del 3B è molto ripido e vario ed infatti di li a poco ce ne saremo accorti.

100_9302.JPG


100_9303.JPG


100_9304.JPG


si inizia per un pendio verso destra che subito dopo si addentra nella boscaglia.. il sentiero è ottimamente segnalato dalla classica doppia stricia rossa e bianca.

ecco Nicola ancora fuori dal bosco quando ancora faceva un certo fresco e si stava discretamente bene sui 26°

100_9305.JPG


100_9306.JPG


Ci iniziamo ad addentrare nella boscaglia il paesaggio è lussureggiante di verde dove predominano piccoli faggi e roverelle oltre a cespugli e fiori di varia natura insetti compresi.

100_9307.JPG


100_9308.JPG


nei tratti aperti si scorge il caratteristico abitato di Rosciolo dei Marsi incastonato tra il verde lussureggiante di questo periodo

100_9309.JPG


Si continua a salire su un sentiero selvaggio immerso nel boschetto che sale per oltre 400 mt fino a sbucare poi fuori da esso

100_9310.JPG


100_9311.JPG


La salita è impegnativa più che altro perchè fa davvero molto caldo e il vento è praticamente assente.

cosi dopo un bel pò si sbuca fuori dall'ombra delle piante per iniziare una parte di sentiero completamente scoperto e al sole da ora in avanti

100_9312.JPG


100_9314.JPG


100_9315.JPG


100_9316.JPG


La salita è impegnativa , il dislivello da superare prima di arrivare su un pianoro è di ben 1100 mt circa tutti in salita tra sentieri ghiaia e sfaciume vario.. ogni tanto una pausa di riflessione per godersi le blande refole di vento è d'uopo..

100_9318.JPG


Giungiamo a quota 1960mt alla fonte di Sevice un antico fontanile del 1906 dal quale sgorga la sorgente di acqua che ci consente di refrigerarci e rifornire le scorte di acqua già andate perse in salita.

Da qui il panorama è molto bello , il paese di Rosciolo sempre più lontano e il passo a quota 2100 sempre più vicino

100_9319.JPG


100_9320.JPG


100_9321.JPG


100_9317.JPG


Sopra di noi sulle pendici del monte Sevice si notano alcune chiazzette di neve residue

100_9322.JPG


100_9323.JPG


un paio di scatti alla fonte e si riparte

100_9324.JPG


100_9326.JPG


Superato il piccolo valico si arriva su un bellissimo pianoro circolare dove ha sede il rifugio Sevice

100_9375.JPG


IMG-20190610-WA0102.jpeg


IMG-20190610-WA0104.jpeg


fatta una rapida visita al rifugio si riparte per il sentiero che costeggia il lato sinistro di questo pianoro dominato dalla imponente figura del monte Sevice alto oltre 2300 mt.

IMG-20190610-WA0103.jpeg


Ecco il sentiero in uno scatto sul pendio che segue il profilo destro in foto con sullo sfondo il rifugio superato poco prima

100_9328.JPG


Proseguiamo il cammino in salita sempre sotto al sole mentre sul lato sinistro si staglia il selvaggio canalone di Teve saliamo e osserviamo i nevai residui che da questa quota in su ci accompagneranno

100_9327.JPG


100_9329.JPG


100_9330.JPG


100_9331.JPG


Terminata questa ulteriore salita su un sentiero poco sentiero, si giunge su un punto panoramico sul circo glaciale del Velino davvero spettacolare, visto live è qualcosa di magnifico

100_9332.JPG


100_9333.JPG


100_9334.JPG


100_9335.JPG


da qui si scorge la tipica sagoma piramidale del Velino che raggiungeremo poi..

qui ve la indico con il dito..

100_9336.JPG


Ma sempre dallo stesso punto lo sguardo verso levante ci mostra tutta la catena del Gran Sasso e la Majella, in questo scatto poco nitido a causa del vomito africano
vi regalo il Corno Grande

100_9337.JPG


Le pareti del circolo glaciale sono spettacolari e selvagge ricche di rupi a picco e grotte con tantissima ghiaia e nevai sotto stanti

100_9338.JPG


100_9339.JPG


Il sentiero sempre in salita devia verso destra dopo aver superato un nivaio e da li si gode dell'ultimo panorama verso il pianoro del rifugio

100_9340.JPG


100_9341.JPG


a questo punto inizia un tratto di discesa verso la base del massiccio che dovremo poi risalire nell'ultimo sforzo..

ne approfitto per uno zoom sulla cima

100_9342.JPG


100_9343.JPG


Il sentiero di discesa verso la base piramidale del Velino è bellissimo, sembrava di stare su un pascolo alpino... prati morbidi umidi e verdi infiorati dove riposare le nostre suole surriscaldate dalla salita sulla breccia e sullo sfondo pareti ancora parzialmente innevate.. peccato che solo l'aria africana con quel cielo orribile abbia distrutto scenari incomparabili..

100_9344.JPG


100_9345.JPG


Ecco alcuni scatti dei nevai residui nel circolo glaciale e un ulteriore scatto al Velino nel suo piramidale tratto finale.. si scorge bene lo sterrato del sentiero in salita finale, tosto sopratutto perchè affrontato dopo ore di cammino in salita e con il caldo africano sul cranio..

100_9346.JPG


100_9348.JPG


uno sguardo anche al monte Cafornia altra cima del gruppo

100_9349.JPG


finalmente dopo lo strappo finale molto duro perchè ripido e costituito da sfacume di ghiaia e roccia che lasciava poco margine ad errori in presa sul terreno per non scivolare, giungiamo in vetta alle 13.40 dove incontriamo un altro gruppo di escursionisti guidati dal simpatico Franco in giacca gialla che issa una bandiera della pace sulla croce posta in vetta dove c'è anche una campana da suonare...

100_9350.JPG


100_9351.JPG


100_9352.JPG


100_9353.JPG


100_9354.JPG


100_9355.JPG


Firmiamo anche noi il libro di vetta curiosando per vedere chi fosse salito in pieno inverno per quei ripidi pendii.. in effetti in gennaio nessun riscontro mentre a febbraio qualche audace c'è stato..

100_9356.JPG


100_9357.JPG


100_9358.JPG


eccoci in vetta in autoscatto e un dettaglio della croce

1cfed5b7-2cf6-4998-9b7e-98f1f95d3742.jpg


100_9360.JPG


52ede6cb-72ca-481e-b20d-cef3c7e8d75c.jpg


dopo esserci rifocillati un poco scatto qualche altra foto dalla cima dove presumibilmente la temperatura si aggirava tra i 20 e i 23 gradi ventosi in compagnia di una coppia di cornacchie grige enormi che si divertivano a sfruttare le termiche in salita lungo la parete sud.

ecco Avezzano in lontananza..

100_9362.JPG


100_9363.JPG


qui invece una curiosità nel dettaglio il punto ICM del 1933 e un bullone sul quale viene avvitato lo strumento GPS per il rilievo periodico della quota

il medaglione IGM del 1933 si trova esattamente sul masso più elevato della vetta.

100_9364.JPG


100_9365.JPG


ecco la cornacchia immortalata in volo.. live era splendida con un'apertura alare spettacolare

100_9366.JPG


un ultimo sguardo alla vetta prima di salutarla con alcuni scatti in cima e poi intraprendiamo subito il sentiero di discesa sono le 1430

100_9368.JPG


100_9370.JPG


100_9371.JPG


100_9373.JPG


Lungo la discesa rincontriamo il nivaio precedentemente attraversato e ad un tratto lungo il tratto orizzontale del pianoro che segue la prima discesa sulla sinistra scorgo una spettacolare lingua nevosa che assomiglia ad un aquila in volo, praticamente il simbolo della " Salewa" nota azienda del settore alpinistico e sportivo.

89cadc9c-85bc-4b37-991c-9fcb60747d49.jpg


In discesa ne approfitto per ricaricare di neve fresca la bottiglia per bere, cosa sempre fantastica è un'altra acqua prorpio, e mi faccio scattare da Nicola una foto nei pressi di uno dei vari nivai che a strapiombo scivolano nel circo glaciale esposto verso est..

8a1d716e-6949-46f9-9617-d1892222bd11.jpg


le cornacchie ci seguono e le ritroviamo durante una breve sosta fuori al rifugio Sevice

100_9374.JPG


Da qui inizia il sentiero di discesa non meno faticoso di tutto il percorso fatto in precedenza..
la fatica delle oltre 5 ore di camminata unite al caldo sempre più insopportabile del versante esposto a sud dove corre questo sentiero non ti fanno vedere l'ora di giungere a valle.. ma la strada è ancora lontana sono le 15.50 quando ci incamminiamo per la discesa e mancano ancora due ore al traguardo finale.

Lungo il sentiero ci rifermiamo a bere alla fonte e mentre scendiamo abbiamo un incontro bellissimo con dei cavalli che salivano lo stesso sentiero per andare ad abbeverarsi alla fonte.

3bdf6bed-e970-453d-b35f-409b66ce0edf.jpg


44e96f10-f72f-4b2f-85a3-7caed950deb1.jpg


inizialmente preceduti da questo stallone nero sembrava quasi volesse incuterci timore impedendoci il passaggio poi ha seguito mite consiglio della natura, cioè vedi l'uomo ok allontanatene.. e cosi hanno rapidamente deviato percorso evitandoci accuratamente.. alla fine ne ho contati 14 in tutto

100_9376.JPG


100_9377.JPG


la discesa prosegue per il sentiero dell'andata ed arrivati intorno ai 1400 mt del bosco il caldo era insopportabile.. la brezza era poca e la calura che risaliva dal basso tanta e per giunta anche umidiccia a causa dell'evaporazione del terreno del bosco, e in questo mix per nulla piacevole che percorriamo il tratto finale del sentiero che ci riporterà all'auto alle ore 18.

qui una volta tolti scarponi e fatti rinfrescare un pò i piedi ci dirigiamo verso la vicina chiesa di Chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta.
Di origine benedettina si trova di fronte le pendici del massiccio del monte Velino, costruita probabilmente come parte di un insieme conventuale oggi scomparso, ad opera di un certo Nicolò nel 1048 in forme semplici del primo romanico con influssi bizantini, ed in seguito donata all'abbazia di Montecassino.

100_9379.JPG


20190610_181354.jpg


20190610_181402.jpg


20190610_181709.jpg


anche qui è presente una bella fontana con acqua gelida per dissetarci e fare scorte..

Da qui parte un breve sentiero che ci accompagna ad un albero monumentale, una quercia rovere millenaria che ho abbracciato in segno di rispetto nei confronti della natura e di disprezzo verso quella umana che non merita quello che il creato ci ha donati. Un abbraccio impossibile vista la circonferenza monumentale della pianta. Magnifica :x

100_9380.JPG


100_9381.JPG
100_9381.JPG (167 KiB) Visto 231 volte


100_9383.JPG


100_9386.JPG


20190610_182033.jpg
20190610_182033.jpg (121.04 KiB) Visto 231 volte


A questo punto la gita volge al termine ci aspetta il viaggio di rientro l'aria è fresca il sole è calato i profumi del verde che ci circonda sono meravigliosi scatto ultime foto al nostro compagno di viaggio che rimarrà la dove posa da milioni di anni..

100_9384.JPG


100_9385.JPG


Durante l'avventura percorsi circa 24 km con un dislivello complessivo di oltre 1600 mt superati e una durata di circa 9 ore
Iceman


Ricomincio da tre

Il freddo unisce il caldo separa...

Ridatemi il febbraio del 1956 ... 2018 c'eravamo quasi...

La neve è neve...la grandine è grandine :-P

Datemi canna albanese vorrei vedere Napoli sepolta dalla neve più che in una città svedese

Avatar utente
leo95nf
Maestrale
Maestrale
Messaggi: 3827
Iscritto il: domenica 17 gennaio 2016, 23:06
Località: Marano di Napoli, 146mslm
Fotocamera: Lumia 950XL 20 MPX, PureView, Zeiss
Sistema Operativo: Windows 8.1 RT/ Windows 10
Contatta:

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda leo95nf » martedì 11 giugno 2019, 14:52

Altro bellissimo reportage e complimenti per l'ennesima arrampicata!
#snow #snow 26-27 Febbraio 2018; Emozioni indelebili! #snow #snow
Immagine


Qualità dell'aria Marano
https://maps.luftdaten.info/#10/40.8675/14.2424

http://www.campanialive.it/diffusione-polveri.asp

Avatar utente
Neve83
Uragano
Uragano
Messaggi: 12433
Iscritto il: venerdì 5 febbraio 2010, 16:02
Località: Atripalda(AV) 314m slm
Stazione meteo: Oregon
Fotocamera: Sony 14.1 Mp-Huawei P9 plus-Nokia Lumia
Sistema Operativo: Windows 10 Pro
Località: Atripalda - altitudine minima 276m slm - altitudine massima 553m slm

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda Neve83 » martedì 11 giugno 2019, 20:31

Ottimo reportage anche questo e sempre ben dettagliato :ymapplause: ..
Immagino che sforzo sotto il sole in quei lunghi sentieri senza alberi #:-s
Cade la neve: tutt'intorno è pace. ❄ ⛄ ❄ ❄️ ⛄ ❄ ❄️ ⛄ ❄
Immagine

Avatar utente
noqot
Tornado
Tornado
Messaggi: 18821
Iscritto il: domenica 22 marzo 2009, 22:54
Località: Salerno - zona torrione alto
Stazione meteo: davis vantage pro 2
Fotocamera: canon 60D

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda noqot » martedì 11 giugno 2019, 21:37

meraviglia
Stazione meteo Salerno - Torrione alto
http://www.campanialive.it/dati-meteo.a ... notorrione

Avatar utente
Iceman
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 27760
Iscritto il: venerdì 13 marzo 2009, 14:59
Località: Napoli-Vomero Alto Alt.280 mt
Stazione meteo: Davis Vantage Vue - Davis VP2
Fotocamera: Umidigi S3 48Mpx - Kodak DX 4Mpx
Sistema Operativo: Ubuntu Linux W7 - Browser Chroome
Località: Italy
Contatta:

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda Iceman » martedì 11 giugno 2019, 22:51

Neve83 ha scritto:Ottimo reportage anche questo e sempre ben dettagliato :ymapplause: ..
Immagino che sforzo sotto il sole in quei lunghi sentieri senza alberi #:-s


guarda in salita lo sforzo che si fa è diverso e più sopportabile almeno per me, un pò perché mentre sali la temperatura sale con te oppure tende a scendere per la quota ma sopratutto cala l'ur, e poi il venticello ti aiuta.

Paradossalmente lo sforzo maggiore in termini di sopportazione del caldo l'ho sofferto in discesa quando siamo scesi sul sentiero finale sotto al sole offuscato da cirri ma cmq caldissimo con temperatura sicuramente intorno ai 27 gradi umidi a 1400 mt. giunti a valle poi è partita la fase del no sun con il verde che iniziava rapidamente a cedere calore e la temp è calata in poco tempo dai 28 dell'arrivo ai 25 dopo 30 min.
Iceman


Ricomincio da tre

Il freddo unisce il caldo separa...

Ridatemi il febbraio del 1956 ... 2018 c'eravamo quasi...

La neve è neve...la grandine è grandine :-P

Datemi canna albanese vorrei vedere Napoli sepolta dalla neve più che in una città svedese

Avatar utente
Fabietto17
Supporter Campanialive.it
Supporter Campanialive.it
Messaggi: 15428
Iscritto il: domenica 29 marzo 2009, 13:59
Località: Marano di Napoli
Stazione meteo: Davis Vantage Vue

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda Fabietto17 » mercoledì 12 giugno 2019, 19:22

Nessun commento le immagini parlano da sole
Stazione meteo Marano di Napoli (NA)

30-31/12/2014 Neve a Marano con -3°con sfondamento da Stau
Dicembre 2015 0.0 mm record storico
Dicembre 2016 4.0 mm altro record
26/27 Febbraio 2018 Nevicate record Temp. -1.5° e 15 cm misurati il giorno 27/02

Avatar utente
sannio_snow
Supporter Campanialive.it
Supporter Campanialive.it
Messaggi: 7694
Iscritto il: domenica 29 settembre 2013, 18:00
Località: Campoli del Monte Taburno (BN) 439m slm
Stazione meteo: Davis Vantage Pro2
Fotocamera: Samsung SNH-E6440BN+Canon PowerShot A580
Sistema Operativo: Windows 7
Contatta:

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda sannio_snow » mercoledì 12 giugno 2019, 21:05

Che bellissime immagini! Mario, complimenti per il tuo dettagliatissimo ed emozionante reportage.

Avatar utente
Giglio rosso
Supporter Campanialive.it
Supporter Campanialive.it
Messaggi: 6379
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2013, 12:21
Località: Montesarchio (BN) 306 m.s.m
Fotocamera: Canon EOS 1300 D

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda Giglio rosso » venerdì 14 giugno 2019, 17:03

bellissimo reportage, talmente completo che e sembrato quasi di partecipare, infatti la discesa sotto il solleone non ve l'ho invidiata :) cmq realmente tutto bello, piu in la anche io mi faccio la mia tradizionale capatina di qualche giorno nella bellissima terra d'abruzzo, spero con temperarure piu fresche
Non occorre una religione per dirti ciò che è giusto o è sbagliato; Se non sai distinguere il bene dal male non ti manca la religione ma la coscienza.
https://www.weatherlink.com/bulletin/c8 ... 6b7ef6eacc (staz. meteo Montesarchio )

Avatar utente
Iceman
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 27760
Iscritto il: venerdì 13 marzo 2009, 14:59
Località: Napoli-Vomero Alto Alt.280 mt
Stazione meteo: Davis Vantage Vue - Davis VP2
Fotocamera: Umidigi S3 48Mpx - Kodak DX 4Mpx
Sistema Operativo: Ubuntu Linux W7 - Browser Chroome
Località: Italy
Contatta:

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda Iceman » venerdì 14 giugno 2019, 19:45

Giglio rosso ha scritto:bellissimo reportage, talmente completo che e sembrato quasi di partecipare, infatti la discesa sotto il solleone non ve l'ho invidiata :) cmq realmente tutto bello, piu in la anche io mi faccio la mia tradizionale capatina di qualche giorno nella bellissima terra d'abruzzo, spero con temperarure piu fresche


grazie dei complimenti ;)

Il 28 giugno organizzeremo una escursione sul corno grande del Gran sasso o sulla Majella vi terrò informati anche qui cosi se qualcuno si vuole aggregare può farlo..
Iceman


Ricomincio da tre

Il freddo unisce il caldo separa...

Ridatemi il febbraio del 1956 ... 2018 c'eravamo quasi...

La neve è neve...la grandine è grandine :-P

Datemi canna albanese vorrei vedere Napoli sepolta dalla neve più che in una città svedese

Avatar utente
Giglio rosso
Supporter Campanialive.it
Supporter Campanialive.it
Messaggi: 6379
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2013, 12:21
Località: Montesarchio (BN) 306 m.s.m
Fotocamera: Canon EOS 1300 D

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda Giglio rosso » venerdì 14 giugno 2019, 22:44

grazie per l'invito ma purtroppo quel fine settimana per me è lavorativo :(
Non occorre una religione per dirti ciò che è giusto o è sbagliato; Se non sai distinguere il bene dal male non ti manca la religione ma la coscienza.
https://www.weatherlink.com/bulletin/c8 ... 6b7ef6eacc (staz. meteo Montesarchio )

Avatar utente
lupacchiottoirpino
Tramontana
Tramontana
Messaggi: 5709
Iscritto il: giovedì 3 luglio 2014, 22:11
Località: Avellino zona liceo imbriani mt. 357

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda lupacchiottoirpino » sabato 15 giugno 2019, 13:41

complimenti per il certosino reportage, sei impeccabile iceman :ymhug:
bellissime foto e bellissimi paesaggi, complimenti davvero :)
<Francesco Pagano>

Avatar utente
Iceman
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 27760
Iscritto il: venerdì 13 marzo 2009, 14:59
Località: Napoli-Vomero Alto Alt.280 mt
Stazione meteo: Davis Vantage Vue - Davis VP2
Fotocamera: Umidigi S3 48Mpx - Kodak DX 4Mpx
Sistema Operativo: Ubuntu Linux W7 - Browser Chroome
Località: Italy
Contatta:

Re: Monte Velino (AQ) mt. 2487

Messaggioda Iceman » sabato 15 giugno 2019, 16:08

ringrazio sempre tutti per i complimenti...
Iceman


Ricomincio da tre

Il freddo unisce il caldo separa...

Ridatemi il febbraio del 1956 ... 2018 c'eravamo quasi...

La neve è neve...la grandine è grandine :-P

Datemi canna albanese vorrei vedere Napoli sepolta dalla neve più che in una città svedese


Torna a “Sono stato a...”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite